Intertek (www.intertek.com)

Imparzialità:

Intertek Italia SpA, e qualsiasi parte della sua organizzazione, è responsabile per l’imparzialità delle proprie attività di certificazione e, consapevole del requisito di imparzialità richiesto dalle norme internazionali, non partecipa alle attività di:
- progettazione, fabbricazione, installazione, manutenzione o distribuzione di un prodotto certificato o di un prodotto da sottoporre a certificazione;
- progettazione, attuazione, gestione o manutenzione di un processo certificato o di un processo da sottoporre a certificazione;
- progettazione, attuazione, erogazione o manutenzione di un servizio certificato o di un servizio da sottoporre a certificazione;
- progettazione, attuazione o mantenimento di un sistema di gestione.

Intertek Italia SpA, in qualità di Organismo Notificato e Organismo di Certificazione, non può in alcun modo fornire servizi di consulenza inerenti alle attività oggetto di certificazione: si sottolinea che le attività di “Consulenza/Consultancy” riportate nel sito web di Intertek non sono erogate da personale di Intertek Italia SpA coinvolto nelle attività di certificazione.

Scarica la nostra brochure:

 

Telefonaci allo

055 790873
 
 

Test di migrazione su materie plastiche

Il Regolamento UE 10/2011 stabilisce due diversi limiti di migrazione per i Materiali e gli Oggetti a Contatto con gli Alimenti in plastica.

Il Regolamento EU 10/2011 – Materiali e oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari ha introdotto regole distinte relative ai test per i limiti di migrazione globale e specifica. Di seguito si riportano gli standard con la descrizione tecnica ed analitica delle due tipologie di test di migrazione:
  • EN 1186 – materie plastiche. Guida per la scelta delle condizioni e dei metodi di prova per la migrazione globale.
  • EN 13130 – sostanze delle materie plastiche soggette a limiti. Guida ai metodi di prova per la migrazione specifica di sostanze dalle materie plastiche agli alimenti e simulanti alimentari:
Acido tereftalico Acrilonitrile 1,3-butadiene
Cloruro di vinilidene Glicole monoetilenico Glicole dietilenico
Isocianati Acido acetico e estere di vinile Acrilammide
Acido 11-
aminoundecanoico
1,3-benzenedimetanamina Bisfenolo A
3,3-bis(3-metil-4-
idrossifenile)-2-indolina
Caprolattame e
sali di caprolattame
Cloruro di
carbonile
1,2-;1,3-;1,4-
diidrossibenzene
4,4'-diidrossibenzofenone 4,4'-diidrossibifenile
Dimetilamminoetanolo Epicloridrina Etilendiammina
Esametilendiammina Ossido di etilene Ossido di propilene
Formaldeide Esametilentetrammina Acido maleico e
anidride maleica
4-metil-1-pentene 1-octene Tetraidrofurano
2,4,6-triammino-
1,3,5-triazina
1,1,1-trimetilpropano  

Il limite di migrazione globale (Overall Migration Limit – OML) si applica alla somma della quantità di tutte le sostanze che sono in grado di migrare dai materiali a contatto con gli alimenti all’alimento o a un simulante dello stesso. Il limite di migrazione globale è una misura di quanto il materiale in esame sia inerte.

Il limite di migrazione specifica (Specific Migration Limit – SML) è applicato alle singole sostanze e si basa sui risultati di studi tossicologici.

Per dimostrare la conformità ai limiti di migrazione si utilizzano simulanti alimentari e al fine di ottenere dei risultati confrontabili i test di migrazione devono essere eseguiti in condizioni analitiche standardizzate incluso il tempo di test, la temperatura ed il ‘mezzo’ (il simulante utilizzato) in modo da rappresentare le peggiori condizioni d’utilizzo del materiale plastico in esame.

Per informazioni sui test di migrazione relativi alle materie plastiche o ad altri materiali il laboratorio di Lastra a Signa (FI) è a vostra disposzione.

per maggiori informazioni.

  • Intertek Italia SpA - P.IVA 12431470157