Database SCIP e Direttiva Quadro UE sui Rifiuti

Intertek fornisce soluzioni per la conformità alla Direttiva Quadro UE sui rifiuti fornendo il supporto necessario a reperire le informazioni e ad inserirle correttamente nel database SCIP

Dal 5 gennaio 2021 scatta l'obbligo per produttori e fornitori di articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti (SVHC – Substance of Very High Concern) di riportare le informazioni relative a tali prodotti all’interno del database SCIP - Substances of Concern In articles as such or in complex objects (Products). 
Lo scopo di questo obbligo è di fornire informazioni sull’uso sicuro di questi prodotti, incentivare la sostituzione delle SVHC con altre sostanze meno pericolose, informare gli addetti allo smaltimento/recupero dei rifiuti riguardo la presenza delle SVHC negli articoli e permettere una scelta di acquisto consapevole da parte del consumatore.

A quale tipo di prodotti si riferisce?
L’obbligo si applica a tutti gli articoli così come definiti nel REACH che contengono una SVHC in quantità superiore a 0,1 % del peso (p/p).
I requisiti dei dati da inserire nel database sono stati sviluppati sulla base dei requisiti legali e dei pareri condivisi tra Commissione Europea, Stati Membri e stakeholders.
Le aziende produttrici devono pertanto fornire:
  • Informazioni utili per identificare il prodotto
  • Nome, concentrazione e localizzazione della/e SVHC all’interno del prodotto
  • Informazioni per l’utilizzo in sicurezza del prodotto
Il database SCIP fornisce agli operatori addetti al recupero e/o smaltimento dei rifiuti informazioni sulle sostanze estremamente preoccupanti in essi contenute, in modo da poterle rimuovere prima dei processi di riciclo e riutilizzo per la produzione di nuovi prodotti in un contesto di economia circolare. Inoltre, la maggior trasparenza in merito alla presenza di sostanze pericolose, da un lato consente ai consumatori di prendere decisioni più consapevoli nel momento dell’acquisto, dall’altro fornisce informazioni sul miglior utilizzo e smaltimento del prodotto.

Chi è coinvolto?
  • Produttori e assemblatori europei
  • Importatori europei
  • Distributori europei e altri soggetti della filiera che immettono prodotti sul mercato
I venditori al dettaglio o gli altri attori della filiera che forniscono direttamente tali prodotti ai consumatori non sono obbligati ad inserire le informazioni sopra citate all’interno del database SCIP. Gli attori soggetti a tale obbligo, invece, possono liberamente fornire ulteriori informazioni su base volontaria.

Il vantaggio di Intertek
Grazie al nostro network internazionale di laboratori, auditors ed esperti regolatori, siamo in grado di supportarvi nella valutazione del rischio dei vostri prodotti e materiali e nella gestione dell’eventuale presenza di SVHC. Gli esperti Intertek, inoltre, possono fornire indicazioni nell'eventualità siano richieste ulteriori informazioni in conformità al Regolamento REACH e alla Direttiva Quadro sui rifiuti: contattaci ora!
 
 

Possiamo aiutarti?

051 0562930
IT:
051 0562930